Cy Twombly

Cy Twombly è nato a Edwin Parker Twombly Jr. il 25 aprile 1928, a Lexington, in Virginia. Dal 1948 al 1951, ha studiato alla Scuola del Museo di Belle Arti di Boston; Washington e Lee University, Lexington; e Art Students League, New York, dove ha incontrato Robert Rauschenberg. Incoraggiato da Rauschenberg, ha frequentato il Black Mountain College vicino ad Asheville, nel North Carolina, nel 1951 e nel 1952, dove ha studiato con Franz Kline, Robert Motherwell e Ben Shahn.

La Kootz Gallery, New York, organizzò la sua prima mostra personale nel 1951. A quel tempo, il suo lavoro fu influenzato dall’espressionismo astratto gestuale in bianco e nero di Kline e dall’immaginario infantile di Paul Klee. Nel 1952, Twombly ricevette una sovvenzione dal Virginia Museum of Fine Arts, Richmond, che gli permise di recarsi in Nord Africa, Spagna, Italia e Francia. Al suo ritorno nel 1953, prestò servizio nell’esercito come crittologo. Dal 1955 al 1959, ha lavorato a New York e in Italia, stabilendosi definitivamente a Roma. Durante questo periodo iniziò a creare le sue prime sculture astratte, che, sebbene variate per forma e materiale, erano sempre ricoperte di vernice bianca. In Italia, iniziò a lavorare su una scala più ampia e prese le distanze dai suoi ex scarabocchi espressionisti, muovendosi verso un uso più letterale del testo e dei numeri, traendo ispirazione dalla poesia, dalla mitologia e dalla storia classica. Successivamente ha creato un vocabolario di vari segni, a volte sessualmente carichi, che comunicano metaforicamente piuttosto che secondo qualsiasi forma di iconografia tradizionale.

Twombly è stato invitato a esporre i suoi lavori alla Biennale di Venezia del 1964. Nel 1968, il Milwaukee Art Center ha ospitato la sua prima retrospettiva. L’artista è stato onorato con numerosi esposizioni, tra cui importanti retrospettive organizzate dal Kunsthaus Zürich, Zurigo (1987); Museo nazionale d’arte moderna, Centre Pompidou, Parigi (1988); Museum of Modern Art, New York (1994); Pinakothek der Moderne, Munich (2006); Tate Modern, London (2008); e Art Institute of Chicago (2009). Nel 1995, la Galleria Cy Twombly, che espone opere realizzate dall’artista dopo il 1954, ha aperto a Houston. Twombly è morto il 5 luglio 2011 a Roma.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi